website builder
Mobirise

Giuseppe Romanini (Presidente del Conservatorio)

Come Presidente del Conservatorio di Parma, desidero dare il benvenuto a tutti i ragazzi e a tutti i genitori che partecipano a questi Open Days online per conoscere da vicino i corsi del nostro Istituto di Alta Formazione Artistica e Musicale. Il Conservatorio “Arrigo Boito” è da sempre luogo di formazione d’eccellenza, istituzione che vanta circa mille iscritti ogni anno, con una percentuale altissima di studenti stranieri, ponendosi come punto di riferimento per la didattica musicale in campo internazionale. Oggi stiamo vivendo un momento molto particolare, in cui l’emergenza sanitaria ha imposto di trovare strade alternative per assicurare il diritto allo studio accanto alla salvaguardia della salute dei nostri allievi e docenti. Il Conservatorio di Parma ha saputo garantire con tempestività la continuità delle lezioni grazie alla modalità a distanza, trovando nell’utilizzo dei mezzi informatici spunti di sperimentazione e di rinnovamento didattico. L’auspicio è che queste nuove soluzioni possano al più presto integrarsi con la riapertura dell’Istituto, ripristinando le lezioni in presenza e il rapporto diretto tra studente e insegnante, e tornando a dare la possibilità ai nostri allievi di suonare e cantare assieme, elementi centrali per la loro formazione. Mi auguro inoltre che in breve tempo potremo nuovamente offrire al pubblico i concerti e gli eventi dal vivo con cui il Conservatorio arricchisce l’offerta culturale e artistica della città, anche in vista della ripartenza di Parma Capitale Italiana della Cultura 2020-2021

Mobirise

Giuseppe Romanini (President)

As President of Conservatorio di Parma, I am really glad to welcome all participants, students as well as parents, to Online Open Days, to get to know our Musical Higher Education Institution. Conservatorio “Arrigo Boito” has a long tradition of excellence as Music Education Institute; with more of 1000 students and high proportion of foreign students, it is an international reference point for music education.
Now we are facing an exceptional moment: the health emergency has forced us to find alternative ways to guarantee academic life and protect health of students and teachers. Conservatorio di Parma, through digital supports, has rapidly continued its academic courses and found inspiration for innovative teaching methods and experimentations.
Our hope is that this new way of teaching will shortly complement the traditional one at the reopening of Conservatorio, to finally join each other, playing and singing together that are a pivotal aspect of their academic preparation. I personally hope that, in short time, we will continue to offer live concerts and events, open to public, with which Conservatorio enriches the cultural and artistic life of Parma, supporting the restart of project Parma Italian Capital of Culture.